Beren.it

All that you can leave behind

La fine del decennio

Gli auguri di Beren per il 2010.

 

Oggi si chiude ufficialmente il primo decennio del 2000. Posso soltanto vagamente ricordare quando da piccolo guardavo a questo periodo come ad uno di chissà quale progresso e benessere. La prima volta che vidi "2001 Odissea nello spazio" di Kubrick, ad esempio mi domandavo se veramente avremmo avuto delle stazioni spaziali e se gli astronauti sarebbero stati in grado di condurre una vita apparentemente normale. Non tanto la finta gravità terrestre, questi dettagli di poco conto ancora non li conoscevo fortunatamente, ma quanto la possibilità di spostarsi da un pianeta all'altro più o meno con la facilità con cui si prende un aereo per raggiungere un altro continente. Beh, quando si è piccoli, si sà, il tempo è molto dilatato e anche solo una ventina d'anni sembrano un lasso di tempo talmente lungo da poter consentire ogni sorta di cambiamento sia esso sociale o della scienza. Purtroppo rivendendoli all'indietro questi primi dieci anni del 2000, non hanno però moltissimo di nuovo. Anzi, sotto molti aspetti hanno riproposto gli stessi errori in cui l'umanità è sempre incorsa nella sua breve esistenza.
Eh lo so, in questi casi risulta semplicissimo attaccare la solita lagna: guerre, petrolio, religioni, inquinamento... In effetti questi anni ci hanno anche portato grandi invenzioni tecnologiche, internet ormai diffusa fin nel cuore dell'Africa nera, etc... Mah ciò che più mi turba è la fondamentale mancanza di felicità che all'uomo moderno manca. Non so se mancasse anche prima, prima del 2000 ero ancora un ragazzino dentro e dunque i miei desideri e le mie speranze erano ancora quelle impulsive di un ragazzo molto giovane e non ancor in grado di cogliere tali sensazioni. Ma ora, che sono una persona ormai  formata, e non più un giovincello, noto davvero una difficoltà delle persone nell'essere felice. Come se una specie di maledizione aleggiasse sulle persone e gli offuscasse la gioia di vivere. Parliamoci chiaro, non è che la gente non si diverta oppure si diverta meno, anzi, è solo che sembra scindere il divertimento dalla propria vita, come se la vita fosse una cosa "seria" (nel senso che non può essere divertente) e il divertimento e dunque la gioia siano semplicemente la fuga, temporanea e meritata, da essa. Qualche tempo fa, il mitico Franco Battiato dava questa definizione del tempo moderno: "è tutto un cazzeggio". A mio parere è la definizione migliore che mai si potesse trovare. La gente, alla ricerca della serenità senza mai trovarla ma solo avvicinandosi, perde così la bellezza della propria vita quotidiana, delle cose che comunemente fa perchè è convinta che la felicità debba avere un posto a tavola proprio, definito, in cui nessuno debba sedersi. 

Così alla fine della cena, dopo che nessuno si sarà seduto, non ci rimarrà che costatare che la felicità non c'era... perlomeno non lì dove volevamo che fosse.

Auguro un anno ed un decennio di felicità a tutti... quella vera!

Vostro Beren - Savonarola :)

 

Vagabond - I've been wanting you

The lyrics

Breaks ain't something
That comes with your car
You keep on spinning girl, that's your law
Hearing your nothing's oh so sweet
I know you're whispering lies to me

Keep it going baby
You know I don't need no sleep
'Cos the urge is getting stronger
More of you is what I need

I've been wanting you
Woah-oh-oh-oh-oh yeah-yeah
That's the truth
Woah-oh-oh-oh-oh yeah-yeah
I've been wanting you
Woah-oh-oh-oh-oh yeah-yeah
That's the truth
Woah-oh-oh-oh-oh yeah-yeah
That's the truth

Break the silence, your skin or mine
Hands crawling up on me thrills my mind
You wash my sorrows
You wash my sorrows clean for a while
Oh no sight of innocence, not for miles, no oh

Keep it going baby
You know I don't need no sleep
'Cos the urge is getting stronger
More of you is what I need

I've been wanting you
Woah-oh-oh-oh-oh yeah-yeah
That's the truth
Woah-oh-oh-oh-oh yeah-yeah
I've been wanting you
Woah-oh-oh-oh-oh yeah-yeah
That's the truth
Woah-oh-oh-oh-oh yeah-yeah
That's the truth

I know you've been alone for too long
I know you've been alone for too long
I know you've been alone for too long
I know I know I know I know

I've been wanting you
Woah-oh-oh-oh-oh yeah-yeah
That's the truth
Woah-oh-oh-oh-oh yeah-yeah
I've been wanting you
Woah-oh-oh-oh-oh yeah-yeah
That's the truth
Woah-oh-oh-oh-oh yeah-yeah
That's the truth
Yeah-yeah that's the truth

Alda Merini (La terra santa)

Gli inguini sono la forza dell'anima,
tacita, oscura,
un germoglio di foglie
da cui esce il seme del vivere.
Gli inguini sono tormento, 
sono poesia e paranoia,
delirio di uomini.
Perdersi nella giungla dei sensi,
asfaltare l'anima di veleno,
ma dagli inguini può germogliare Dio
e sant'Agostino e Abelardo,
allora il miscuglio delle voci 
ascenderà fino alle nostre carni
a strapparci il gemito oscuro
delle nascite ultraterrestri.