Beren.it

All that you can leave behind

Le persone semplici

Caro diario, questa sera infilo la prima carrozza con qualche posto libero che trovo sul treno che m

Caro diario, questa sera infilo la prima carrozza con qualche posto libero che trovo sul treno che mi riporta a casa. Trovo un sedile di quelli quasi introvabili che lascino a quelli della mia taglia lo spazio per non avere le ginocchia in gola e mi siedo con un sospiro. Apro la borsa ed estraggo il laptop, con l'intenzione di rimettermi a lavorare e chiudere alcuni dei punti lasciati in sospeso cinque minuti prima in ufficio. Solo allora alzo gli occhi e mi accorgo della persona che sta sul posto di fronte. Una ragazza, bruttarella per dirla tutta, con uno strabismo decisamente marcato (nulla da vedere con quello di Venere), una panza bella marcata non decisemente femminile. I capelli le scendono fin alle spalle ma osservando meglio mi accorgo che non sono nemmeno moltissimi dove ha una sorta la riga immezzo alla fronte. Ecco insomma, non esattamente la ragazza che ti catturi l'attenzione. Di me non si cura proprio. Stringe tra le mani un libro che legge voracemente, un Harmony… "Poraccia" penso "non deve essere facile per una persona così, chissà che sogni e che emozioni vive all'interno di quel libro, che non potrebbe vivere altrimenti…". Sorrido, tra me e me, "Cazzo ti lamenti?" penso "C'è sempre chi sta peggio ed è meno fortunato, si è vero ora sto a pezzi ma almeno non sono condannato a vita come quel mostriciattolo qui davanti.". Finalmente posso tornare al lavoro, ma mentre do un ultima occhiata alla ragazza che nel frattempo non mi ha proprio mai calcolato mi cade l'occhio su un particolare: all'anulare della mano sinistra ha un anello. Già ma non un anello qualsiasi, l'Anello, la Fede nuziale. Mi si gela il sangue… "Ma come cazz…". Lì realizzo in un attimo quanto idiota sono. Quanto tutte le mie certezze fatte di apparenza e plastica si volatilizzino all'istante. "Immaginati che mostro deve essere il marito…" beh, la cattiveria non mi allevia minimamente la sensazione di stupidità e di sfigatezza che ormai mi pervade dalla testa ai piedi. La realtà è che lei ce l'ha fatta, qualcuno ha deciso di passare la vita (o almeno una parte di essa con lei).
Congelato come uno scampo resto fisso su di lei. La felicità e l'amore che lo genera sono due sentimenti semplici, siamo noi che li complichiamo a dovere, mettendoci una serie di cose sopra che li soffocano e li nascondono alla vista. La felicità e l'amore sono delle persone semplici, che sanno mettersi in gioco, fidarsi e sacrificarsi per chi hanno davanti. Che forse avranno anche pensato "Sono troppo brutta per…" ma di certo non avranno mai detto "E' troppo brutto per…". Avrò capito la lezione? Troppo facile…

To the moon and back

"volerò fino sulla luna se sarai la mia donna ho un biglietto per un modo dove ci apparteniam

"volerò fino sulla luna se sarai la mia donna

ho un biglietto per un modo dove ci apparteniamo se vorrai essere la mia donna"

 

She's taking her time, making up the reasons
To justify all the hurt inside
Guess she knows from the smiles
And the look in their eyes
Everyone's got a theory about the bitter one
They're saying
"Mama never loved her much
And Daddy never keeps in touch
That's why she shies away
From human affection."
But somewhere in a private place
She packs her bags for outer space
And now she's waiting
For the right kind of pilot to come (And she'll say to him)
She's saying
I would fly to the moon and back
If you'll be, if you'll be my baby
I've got a ticket for a world
Where we belong
So would you be my baby?
She can't remember a time
When she felt needed
If love was red then she was color blind
All her friends, they've been tried for treason
And crimes that were never defined
She's saying
"Love is like a barren place
And reaching out for human faith
Is, is like a journey
I just don't have a map for."
So, baby gonna take a dive
And push the shift to overdrive
Send a signal that she's hanging
All her hopes on the stars (What a pleasant dream)
Just saying
I would fly to the moon and back
If you'll be, if you'll be my baby
I've got a ticket for a world
Where we belong
So would you be my baby?
Hold on
Hold on (5, 4, 3, 2, 1)
"Mama never loved her much
And Daddy never keeps in touch
That's why she shies away
From human affection."
But somewhere in a private place
She packs her bags for outer space
And now she's waiting
For the right kind of pilot to come (And she'll say to him)
Just saying
I would fly to the moon and back
If you'll be, if you'll be my baby
I've got a ticket for a world
Where we belong
So would you be my baby yeah