Beren.it

All that you can leave behind

La ragazza del treno

ATTENZIONE QUESTO POST SPOILERA COME NON CI FOSSE UN DOMANI!!! Avendo da poco comprato un ebook read

ATTENZIONE QUESTO POST SPOILERA COME NON CI FOSSE UN DOMANI!!!

Avendo da poco comprato un ebook reader (non faccio nomi) e riusciendo a ritagliarmi qualche giorno di pace durante le vacanze invernali ho fatto la pessima scelta di portarmi tra i tanti libri anche quello della Hawkins. Beh, dai proprio pessima pessima no... diciamo che però questo libro ha tutte le credenziali per qualificarsi come fenomeno di massa o poco più. In tutta onestà il libro non è scritto nemmeno male, anzi, l'idea peraltro neanche più molto originale di raccontare la storia dal punto di vista dei diversi protagonisti unita ad un intreccio intrigante della trama tra flashback e colpi di scena per larghi tratti ti trascina letteralmente a leggere pagina dopo pagina. Il fatto è che personalmente circa al 75% del libro (maledetti ebook reader) tutto sommato avevo capito dove voleva andare a parare e non perchè fossi un genio bensì perchè le possibilità erano assai poche e la trama sembrava abbastanza lineare nel suo sviluppo. Così, quando un libro deve dare il meglio di se, snocciolando colpi di scena dai ritmi infernali in realtà si affloscia senza fino a farti sussurrare "Ma come? Tutto qui?". Non so, forse sarò stato eccessivamente cattivo nella valutazione ma a mio avviso questo è un libro sufficiente, non molto di più. Ha ottimi spunti, un buon ritmo però questo ritmo manca della giusta trama nel finale che riesca a farti girare la testa e chiudere la pagina con un sospiro. Insomma come dice il titolo, consigliato ai pendolari!

Diario di un argentino a tempo determinato - Ma la farnesina?

E' un mercoledì tragico in argentina: causa un guasto ai freni, onestamente non ho capito benissimo dato il pessimo spagnolo un treno nella stazione di Once è arrivato lungo al capolinea e si è praticamente accartocciato facendo 50 morti. Brutta storia, anche perchè era un treno di pendolari diretti nella metropoli per lavorare. Io che mi sono sempre lamentato delle nord ho visto in televisione dei servizi raccapriccianti sulla situazione dei pendolari qui a Baires, tali da farmi ricredere anche sulle tanto maledette nord. Quello che però mi aspettavo, era, da cittadino italiano a Buenos Aires, una chiamata o un contatto dalla Farnesina per sincerarsi almeno che fossi vivo... O sbaglio? Un messaggino? Una mail? Ok, va bene, non conto una mazza, ma almeno gli amici? I parenti? Mah si qualcuno si è fatto vivo ma mi aspettavo una caterba di messaggi e di gente preoccupata. Fortuna che non prendo treni qui...