Beren.it

All that you can leave behind

La partita perfetta

Gianni Brera definiva in questo modo uno 0 a 0. La partita perfetta, perchè priva di errori: 0 a 0 appunto... Sinceramente non sono mai stato daccordo con questa definizione, perchè finisce con l'affermare l'assioma gol=errore, cosa che se da un lato è spesso verificata dall'altro non tiene conto della qualità di una giocata o del caso, che in un gioco fatto di episodi com'è il calcio riveste la sua importanza. Detto questo e toltomi il cappello difronte ad una penna tanto rimpianta in questi tempi di giornalisti-tifosi sgrammaticati, devo dire con piacere che il pareggio dell'altra sera al Meazza ha dimostrato senza dubbio che un pareggio senza reti può talvolta essere latore di una bella partita combattuta e tuttaltro che priva di emozioni. Chi si aspettava una Juve tutto attacco e poca difesa, come un pò anche il sottoscritto, è rimasto sorpreso di vedere una squadra che pur con le inevitabili incertezze dovute alla giovane età e all'ancora non perfetto affiatamento ha certamente retto il confronto con i campioni d'Italia.

Un derby d'Italia soddisfacente sopreattutto se si considera che è stato il primo per me dal vivo, per di più immezzo ad una marea nero-azzurra anche se spalleggiato da due colleghi Juventini DOC e calbresi DOC. Lo zero a zero è stato il risultato ideale, non oso immaginare che sarebbe accaduto in caso di gol da una o dall'altra parte, temo avremmo fatto davvero fatica a camuffarci... In fondo domenica scorsa da San Siro non è uscita imbattuta solo la tanto amata Vecchia Signora ma anche noi.