Beren.it

All that you can leave behind

La Decima

Si è fatta attendere vent'anni ma alla fine è arrivata. La Juve è la prima squadra italiana ad aggiudicarsi 10 coppe nazionali. Tre anni fa alla finale con il Napoli assistevo da Buenos Aires. Impotente. Ma erano altri tempi. Ammetto che però la coincidenza di essere in trasferta un pochino mi ha fatto toccare ferro. Alla fine è andata bene, immediatamente in svantaggio abbiamo recuperato quasi subito. Sofferto ed allafine gioito con, udite udite, un giocatore del Milan in prestito. Potenza del mercato italiano d'oggi giorno. L'unico giocatore del Milan ad alzare un trofeo quest'anno gioca in un'altra squadra... Per altro acerrima nemica. Aldilà però di questi discorsi da sfottò, la Juve si aggiudica il double dopo vent'anni e potrebbe perfino centrare la tripletta. Già... se proprio dobbiamo trovargli un nome, diamoglielo in italiano. Il mago di Setubal non ce ne voglia.

Orgasmo Krasic

Battesimo migliore non poteva avere la mia prima all'Olimpico di Torino, una Juve tutta all'attacco, per quanto ad essere sinceri un tantino spuntata, ma comunque generosa e alla fine vincente. Con il solito, plotone di calabresi Juventini :), ci siamo mossi alla volta di Torino, domenica scorsa per l'incontro di cartello tra la seconda (Lazio) e la terza in campionato (Juve). Devo ammettere che l'olimpico mi ha fatto davvero un bell'effetto: per quanto pieno, mi è sembrato uno stadio a misura d'uomo e soprattutto finalmente un impianto in cui si abbia una visuale davvero buona. Il gol di Krasic al 94° minuto quasi scaduto è stata poi la ciliegina sulla torta, l'emblema di cosa voglia dire per un tifoso una vittoria della propria squadra quando ormai ne hai perso quasi completamente le speranze. E quindi come dice il buon Ziliani, "Orgasmo Collettivo a Torino"... forse vi sembrerà un pò esagerato, ma per noi che eravamo sotto quella curva è stato proprio così: Alè Milos, Alè Juve!