Beren.it

All that you can leave behind

Il Suggeritore

Il suggeritore

Questo libro è difficilmente catalogabile. Si daccordo è la storia di un serial killer, ma non ci può e non ci si riesce a fermare a quello. Non può essere annoverato come un esempio di un genere intorno al quale sono profilerati negli ultimi innumerevoli casi narrativi, televisi e cinematografici. Quello che stupisce, a mio parere è la facilità e la semplicità con cui si sovrappongono le vite delle vittime, dei carnefici e di chi dovrebbe fermarli, al punto spesso di non riuscire a capire in effetti chi siano gli uni e chi gli altri. Ma, attenzione, non è solo un gioco narrativo volto ad intorbidire e rendere più difficile la comprensione, è semplicemente il tentivo di far capire, cosa non semplice, che nella mente malata di chi opera tali crimini spesso ci siano delle meccaniche che non sono poi così lontane da quelle della gente comune. Anzi...

Carrisi, alla prima opera, è un criminologo e quindi mostra una certa disinvoltura nello snocciolare qua e là un pò tutta quella che è la letteratura in materia, sempre senza eccedere ed anzi spesso riuscendo a dare piccole delucidazioni su argomenti di cui si parla molto e soprattutto a sproposito. Se si aggiunge poi che la girandola dei colpi di scena a volte è letteralmente travolgente ne viene fuori davvero un libro da leggere in un sol fiato.
Certo non è un libro per stomaci deboli, ma la dovizia di particolare non eccede mai nello splatter evitando spiacevoli sorprese al lettore più sensibile. In conclusione, un libro da leggere assolutamente prima che ne facciano la trasposizione cinematografica!

"Perchè?" supplicò lei.
E lui stavolta ci pensò bene prima di risponderle: "Perchè li amavo".