Beren.it

All that you can leave behind

CMS su SP2010 (parte 1) - Il Design

Implementare un CMS con Sharepoint 2010

Il concetto è creare un CMS seguendo una serie di requisiti classici che un CMS dovrebbe avere:

  1. Autenticazione
  2. Visualizzazione dei contenuti
  3. Autorizzazioni e Ruoli
  4. Editing dei contenuti e gestione delle versioni
  5. Processo di approvazione dei contenuti e notifica

Nell'immagine seguente si può vedere quali siano gli attori in gioco e quali siano le operazioni che eseguono.

 

In particolare identifichiamo i seguenti:

  1. Viewer: non è nient'altro che l'utente finale, visualizzerà le pagine così come sono state approvate senza poter sospettare minimamente che ci sia una regia dietro ed in particolare un processo di editing e approvazione. Per lui sarà una normale web application. Nulla di più.
  2. Editor: è colui che può editare le pagine, modificandone a piacere i contenuti. Le sue modifiche saranno visibili solo agli altri Editor ed agli Approver. Perchè una modifica possa essere visualizzata da un semplice Viewer dovrà completare un processo di approvazione.
  3. Approver: è colui che deve decidere se una modifica può essere o meno pubblicata e quindi resa visibile ai viewer.
  4. Administror: è colui che ha accesso completo all'applicazione e la amministra.

Ovviamente gli attori in gioco sono ridotti all'osso garantendo quelli che sono i requisiti minimi dell'applicazione. Per quanto riguarda invece le risorse in gioco fondamentalmente troviamo:

  1. Web Server: è il cuore del CMS dove vengono visualizzati, editati ed approvati i contenuti.
  2. Content Repository: è dove i contenuti vengono memorizzati e dove viene mantenuta la history delle modifiche sugli stessi.
  3. User repository: dove sono presenti gli utenti con i loro dati

Inutile dire che la scelta di come implementare la soluzione ricada su Sharepoint 2010. Naturalmente i concetti sopra espressi possono essere tranquillamente mutuati sotto qualsiasi altra infrastruttura. Certo, come vedremo di seguito utilizzare Sharepoint ci consentirà di evitare l'implementazione di numerosi componenti evitandoci dolorosi mal di pancia in fase sia implementativa che di testing e deploying, per di più consentendoci un livello di personalizzazione notevole ed un'interfacca utente davvero intuitiva.

La soluzione basata su Sharepoint 2010 prevederà in pratica:

  • Sharepoint 2010: per la gestione della web application e del content management
  • Active Directory come repository degli utenti

Naturalmente scelto Sharepoint 2010 la scelta sul sistema operativo è limitata a Windows Server 2008 a 64 bit e SQLServer 2008, requisito minimo di funzionamento. Come autenticazione utilizzeremo quella integrata NTLM, dunque in caso di dominio l'autenticazione avverrà su di esso altrimenti in caso di server stand-alone si baserà sugli utenti di macchina.
Nella prossimo post cominceremo a creare la web application vuota e settare le prime configurazioni base su SP2010.